Cookie Policy Perchè le beauty blogger ci hanno stancato - Martina Vitale Beautymamma

Perchè le beauty blogger ci hanno stancato

Il mondo delle Beauty Blogger è ormai al collasso. Soprattutto su Instagram, diventata oggi la vetrina più comune dove seguire le nostre Beauty Blogger, sempre più beauty instagrammer pubblicano imitando la parte finale del lavoro, portandolo ad apparire per quello che non è, e rendendo questo settore di una noia mortale. Oltre alle foto prodotto… c’è di più, c’ tutto un mondo.

No, non voglio fare polemica (forse un pochino si), ma ragionare insieme su questo fenomeno ormai sulla bocca di tutti.

la verità
Diciamo la verità sulle Beauty Blogger

Lo sapete: per me le Beauty Blogger non sono le Beauty Instagrammer: spesso le due vesti coincidono (ed è così che dovrebbe essere, intelligentemente), ma ultimamente sembra diventata un’abitudine. In un’era in cui si cerca la strada più facile per tutto, in cui l’apparenza conta sempre più della sostanza, anche nel mondo Beauty accusiamo il colpo. E allora ecco che spuntano come funghi profili di feed vetrina convinti di essere blogger beauty, mentre invece stanno solo mortificando un settore potentissimo nel mercato non solo italiano.

Intanto: beauty blogger o beauty instagrammer?

Blogger o Instagrammer
Beautyblogger o Beauty Instagrammer?

Esatto, non sono solo io a fare questa distinzione doverosa, è un dato di fatto: se hai un Blog da gestire e dove argomentare e spiegare il Beauty, qualsiasi sia la tua sottonicchia di appartenenza, sei una Blogger. Una Blogger intelligente che usa i Social, Instagram in questo caso, per aumentare la tua autorevolezza, portare più traffico sui tuoi articoli, e far conoscere i tuoi consigli a più persone.

Se però salti tutta la parte del Blog, e ti fiondi sui social…. mi dispiace ricordarti che sei una Instagrammer.

Ed a quel punto le strade sono due: aprire un Blog e diventare Beauty Blogger, o crescere per diventare Beauty Influencer.

In entrambi i casi, c’è da studiare sodo e fare la gavetta! 🙂 Non basta amare i prodotti di makeup o seguire una buona skincare routine tutti i giorni per fare questo di mestiere! La passione serve, l’amore per questo settore è indispensabile, e va benissimo se usi i Social per puro piacere personale. In quel caso, tanto di cappello! Quello che sfugge alla moltitudine di profili Beauty nascenti e non…. è che per essere una Beauty Blogger, mostrare una foto dei prodotti…. beh, non basta.

Basta ai profili vetrina su instagram

Basta ai profili vetrina
Basta ai profili vetrina!

Assolutamente, anche io quando sono approdata su Instagram come Skincare Blogger Italiana, ho fatto questo errore. Ogni post una foto di prodotti: carine eh, spesso anche ricercate, ma impersonali e anonime. E nelle storie? Codici sconto direttamente scrinshottati dalle newsletters che ricevevo. Nessuna elaborazione grafica personale, mai la mia faccia o la mia voce.

Ma era questo che vedevo fare, e non mi sono posta il problema. Poi ho iniziato a studiare (lo sapevi che si studia anche in un mondo frivolo come il Beauty?) e ho iniziato ad aggiustare il colpo.

Ho iniziato a metterci la faccia, come insegnano le grandi Beauty Blogger che lavorano anche su Instagram.

Seguiresti mai Clio se non ti avesse prima conquistato il suo modo amichevole e informale (a volte anche intelligentemente goffo e divertente) di insegnarti i makeup?

E poi prova a pensarci: in cosa si può differenziare una tua foto di un prodotto da solo, magari anche curata e sistemata, di te che vorresti essere una Blogger della Bellezza, da una foto della pagina del Brand stesso?

Quello che devi “vendere” sui social, è la tua esperienza, i tuoi tutorial, il tuo insegnamento, che può essere utile a qualcuno, i tuoi consigli da esperta…. non fare da rivista di prodotti! Irriconoscibile da altri profili, anonima e poco utile a chi cerca profili da seguire per ispirazione!

Cosa fa una Beauty Blogger in Italia davvero?

Ispira, insegna, mostra, consiglia.

beauty blogger cosa fa
Cosa fanno le Beauty Blogger?

Oltre che nei propri articoli, una blogger porta la sua esperienza sui Social per arrivare anche da quel pubblico che non legge ancora, catturarlo con immagini o video e argomenti interessanti, e portarlo a leggere l’approfondimento sul Blog, ispirarlo con nuove idee. Mostra una nuova linea di prodotti (su se stessa li mostra, non solo sul bancone) e magari li porta anche ad essere di tendenza!

Offre la propria esperienza ai Brand per testare nuovi prodotti o per mostrarli al pubblico che li segue, rendendo un servizio all’Azienda con una collaborazione (ti lascio l’articolo sulle collaborazioni se vuoi finalmente abbandonare il clichè dell’ennesima elemosinante di prodotti gratis da recensire). Pensa, guadagna per il suo tempo e lavoro!

Studia nuovi principi attivi, prodotti alternativi e idee diverse per aiutare il lettore/lettrice del suo blog a scegliere il prodotto migliore per la sua pelle. Riesce anche, pensa un pò, a dire quando un prodotto non ha rispettato le aspettative promesse, a proporre un prodotto invece che quello richiesto motivando l’obiezione senza dover per forza mostrare solo rose e fiori. Insomma, un lavorone, ma meraviglioso! Non sminuiamolo con la sola ricerca del prodotto gratis di turno o con profili tutti uguali di foto prodotti!

La mie 5 Beauty Blogger Italiane preferite

Beauty Blogger da Seguire
Beauty Blogger da Seguire

Martina Chiella con il suo Blog “The Secrets of Skincare“. Oltre ad essere bellissima, il che non guasta mai, è una Skincare Lover come me, quindi non potevo non inserirla in questo elenco. Sial sul suo Blog che nel suo profilo Instagram, parla in maniera semplice ma accattivante di skincare che di moda.

Marta Cerreto con il suo canale Youtube Parla di Makeup da truccatrice a Beauty Lover. Diretta e semplice, sia nei sui video che nei post, è ironica ma chiara insegnando trucchi e swgreti nel mondo del trucco.

Martina Rodini che ha creato una linea di cosmetici naturali vegan e Crualty Free, OroBio Natural. Da naturopata ha realizzato il suo sogno, mentre scalda il suo profilo con storie da mamma e da combattente.

Laura Boccucci con il suo Beautysaver.it. Una ventata d’aria fresca con i suoi articoli su una bellezza naturale e multisfaccettata. Non solo prodotti ma soprattutto stile di vita e attenzione ad aspetti tanto importanti quanto ancora sconosciuti ai più: sostenibilità, cosmetica consapevole e yoga facciale (il mio preferito). Della serie, i numeri non sono tutto ragazze!!!

Federica Ricci con il suo Ecobiopinioni. Prodotti bio e visione pulita non solo skincare lover ma anche makeup. Quello che mi piace del suo profilo è l’unione di foto di sè, che avvicinano, a quella dei prodotti che ci fa scoprire, e la sua semplicità nello spiegare anche gli inci, argomento forse ancora complicato per tanti. Il suo Blog è davvero corposo, si legge con piacere!

beauty blogger italiane
Basta! Le Beauty Blogger ci hanno stancato!

E tu che tipo di Beauty Blogger sei o vuoi diventare? Vuoi fare la differenza, portare valore e aiutare, magari influenzare ed ispirare…. o ti basta pubblicare carrellate di prodotti finiti per taggare un Brand sperando di fare la differenza? Ok, sono stata forse tanto diretta, ma sapete che la sincerità è una delle mie caratteristiche. Iniziamo ad essere tutti più sinceri? Cosa non ti piace delle Beauty Instagrammer di oggi? Coltiviamo una nuova generazione di Beauty Blogger!, contattami per aprire il tuo Blog e fare la differenza tra le Beauty Instagrammer!!

Oppure non sei d’accordo con la mia visione? Accetto il dibattito, la critica costruttiva… il confronto fa sempre crescere! Quindi scatenati, chi sà che un commento mi colpisca così tanto da scrivere un nuovo articolo proprio sul tuo Blog!

35 anni, mamma lavoratrice e moglie sempre di corsa. Un piccolo spazio fuori dalla routine e dagli obblighi, dove condividere passioni e confrontarsi. Perchè anche dopo essere diventate mamma, continuiamo ad essere donne!

22 pensieri riguardo “Perchè le beauty blogger ci hanno stancato

  • 24 Novembre 2020 in 14:03
    Permalink

    Martina, innanzitutto grazie mille per avermi citata.
    Sono assolutamente d’accordo con te per quanto riguarda i profili vetrina che nulla aggiungono alle presentazioni delle aziende. Il rischio è quello di finire per diventare un’estensione pubblicitaria che induce al continuo shopping ed alimentare quindi uno dei punti deboli della nostra società, il consumismo estremo.
    Un caro saluto

    Rispondi
    • 24 Novembre 2020 in 14:08
      Permalink

      Giusta osservazione! Ed oltre tutto non aggiungono alcun valore aggiunto al nostro profilo! Quello del consumismo… è un altro gran tema! Grazie a te per essere passata!

      Rispondi
    • 28 Novembre 2020 in 08:15
      Permalink

      Ciao, non sono né una beauty blogger né una beauty Instagrammer. Sono una filosofia e come tale osservo e studio i fenomeni sociali e social. Sono abbastanza d’accordo con te. Personalmente preferisco i profili e blog in cui c’è chi “ci mette la faccia” e non si limita solo ad esporre in maniera asettica i prodotti usati. L’esposizione in prima persona permette infatti all’utente l’identificazione con chi propone ma soprattutto vedere che un’altra persona ha testato un prodotto trasmette quel senso di fiducia e serenità che è necessario quando si prova o acquista un prodotto di bellezza.
      Maria Domenica

      Rispondi
      • 28 Novembre 2020 in 20:52
        Permalink

        Assolutamente! La personalità penso debba venir fuori anche se parli di un qualsiasi prodotto, beauty o meno. Altrimenti perchè seguire te o un’altra che parla del solito prodotto?

        Rispondi
  • 25 Novembre 2020 in 09:21
    Permalink

    Cia Martina, ho letto con molto interesse il tuo articolo e per tutto il tempo ho fatto “si” con la testa. Mi torvo pienamente d’accordo.
    Non sono una beauty blogger/instagrammer ma ne seguo diverse in quanto l’argomento è certamente di mio interesse. Quello che più mi tiene incollata allo schermo, e mi fa decidere se è un profilo da seguire, è appunto (come ben dicevi tu) la personalità della influencer: i prodotti che pubblicizza, se riesce a elencarne pregi e difetti, seppur con una nota personale, se ha un blog, dove posso vedere tutto questo, anche meglio perchè significa che ha approfondito l’argomento e non ha fatto la semplice “presentazione” che vuole l’azienda commissionante.
    Secondo me le Beauty blogger, dovrebbero proprio mirare a diventare il punto di riferimento e guadagnarsi la fiducia del lettore… come quella amica che ti da sempre i consigli giusti.

    Rispondi
  • 25 Novembre 2020 in 10:26
    Permalink

    Io sono fiera di incastrarmi in questo settore e poter dire con orgoglio che studio sempre prima di parlare di un prodotto e lo descrivo genuinamente accettando, in primis, collaborazioni in linea con il mio pensiero ed etica.

    Rispondi
  • 25 Novembre 2020 in 13:51
    Permalink

    Cara Martina sai come la penso e che quoto in pieno ogni parola da te scritta. La consapevolezza rende liberi ed essere consapevoli di cosa si vuole realizzare è il primo passo per creare la propria professionalità, piuttosto che appiccicarsi addosso un’etichetta che fa tendenza e poi Fare un fritto misto di ruoli e professioni.
    La professionalità va creata ogni giorno con studio pratica e poi diventa esperienza è tutto ciò si tramuta in reputazione.

    Edile professionisti che puntano all’eccellenza E sono disposti a studiare, formarsi e approfondire, pur di mantenere standard elevati

    Rispondi
  • 26 Novembre 2020 in 09:08
    Permalink

    Hai ragione sul fatto che di questi tempi, si cerchi la via più facile per arrivare a tutto così come le vetrine anonime che si vedono su instagram. Ad esempio, conoscevo solo una delle beauty blogger che hai menzionato, per farti capire quanto “beauty blogger” e “beauty influencer” vengano confuse!

    Rispondi
  • 26 Novembre 2020 in 17:50
    Permalink

    Devo ammettere che ho dei problemi con instagram. Non ho mai amato farmi fotografare, neanche da bambina, mi dovevano ricorre e uscivo sempre con quello sguardo da:<>. Con l’età non sono migliorata. Ho provato a farmi delle foto, ma esco rilassata come chi é sul patibolo e invece mi rifiuto categoricamente di fare la bocca a culo di gallina. Quindi sono in un punto di stallo

    Rispondi
  • 27 Novembre 2020 in 10:14
    Permalink

    concordo con te, ormai è un continuo farsi la guerra ma con foto che non hanno nulla da dire, ci si mette sempre la faccia

    Rispondi
  • 27 Novembre 2020 in 11:27
    Permalink

    Sottoscrivo tutto quello che ho letto sopra: seguo alcune beauty blogger perché mi piace capire di più del prodotto e, necessariamente, una caption di IG non può contenere tutto quello cerco.

    Rispondi
  • 27 Novembre 2020 in 13:56
    Permalink

    Eh sì, hai proprio ragione. Da utente in prima persona del mondo beauty, che però lavora nel marketing, ti posso confermare che i profili vetrina li ho aboliti da parecchio: soprattutto da utente, considero indispensabile vedere i risultati. Adoro i beforeafter!

    Rispondi
  • 27 Novembre 2020 in 17:39
    Permalink

    consigli davvero molto utili
    bisognerebbe conoscerli quando si inizia

    Rispondi
  • 28 Novembre 2020 in 02:07
    Permalink

    Concordo ma non su tutto. Vero che hanno stancato le galline con i loro ” >Non ne posso più fare a meno” “Non potrei vivere senza” come anche alcune beauty blogger che scrivono articoli tutti uguali, dopo un po’ stancano. Io mi sono resa conto che stavo facendo articoli noiosi e ho cercato di realizzarli in modo più personale. Però dei prodotti devi parlare, alla fine. Negli articoli cerco sempre di spiegare perché il tal prodotto fa bene e i suoi componenti. Non mi limito a dire questa è l’inci, è ottimo perché contiene questo e quello. E se trovo nomi strani come il bisabololo spiego cos’è. Quante adesso vanno su zio Google per vedere cos’è? Le Beauty blogger che segui tu son andata a guardarmele tutte, una per una. C’è di mezzo un’agenzia di comunicazione o vendono prodotti. Non è facile sai offrire ai brand la propria esperienza e ottenere denaro: prima di tutto vogliono i numeri di follower, ma sopra tutto essere sicuri che tu li farai guadagnare. Anche se mandi il media kit e ti proponi in modo professionale, cercano dove possono non pagare. E lo trovano. Quindi, a volte, “elemosinare” (che onestamente trovo sia un brutto termine) i prodotti gratis in cambio di un articolo, non ti ripaga totalmente del tempo perso, ma almeno non spendi soldi in profumeria. Ed io prima ti assicuro che nei prodotti ne spendevo parecchi, anche perché non mi fido di tutti i marchi. Quindi se non spendi, ti restano nelle tasche. Altra cosa: a chi ti rivolgi? Un target alto perché la ragazza giovane non legge. Questo ti spiega il perché alcuni brand collaborano con le pseudo beauty blogger. Scusa se mi sono dilungata, ma se ti piacciono i commenti personali, qui li trovi. Al contrario della solita zuppa.

    Rispondi
    • 28 Novembre 2020 in 20:59
      Permalink

      Ciao VAlentina! Innanzitutto grazie per esserti dilungata! 🙂 Certo, il titolo del mio articolo voleva essere leggermente provocatorio, ma ovviamente non parlo di tutte in generale. Dei prodotti dobbiamo parlare, non alla fine, ma anche d’all’inizio! Ma invece che usare solo foto prodotto (per questo ho menzionato i profili vetrina), indossare i prodotti, mostrare la texture e spiegarli con la nostra personalità penso sia il modo migliore di dare il nostro contributo. Alla fine, perchè dovrebbero leggere noi e non un’altra blogger che parla di quello stesso prodotto se non traspare chi siamo? Per il target al quale mi rivolgo io… no, non si tratta di target alto, ma di target consapevole. Al di là del fatto che i miei consigli sono per un pubblico femminile over 35, quindi con informazioni sui primi segni del tempo e di come affrontarli, mi rivolgo ad un pubblico che acqusita non sull’onda della moda, ma sulla reale necessità e particolarità del prodotto in base alle esigenze. Per questo è un pubbico che legge, da me o altrove, e si informa! Grazie davvero del tuo commento, assolutamente gradito! 🙂

      Rispondi
  • 28 Novembre 2020 in 15:58
    Permalink

    Devo dire che hanno stufato anche me, ogni volta che apro Instagram ce ne sono troppe e la maggioranza neanche così brava…o forse è perché non ho mai trovato una che mi colpisse tanto.

    Rispondi
    • 28 Novembre 2020 in 20:51
      Permalink

      E’ anche vero che ormai ce ne sono così tanti di messaggi a cui siamo esposti… che è difficile trovare quello vero e che ci colpisce! Il voler fare come le atre spesso ci porta ad essere irriconoscibili!

      Rispondi
  • 28 Novembre 2020 in 16:44
    Permalink

    Aggiungerei che bisogna stare molto attenti anche alla credibilità. Se oggi parlano di crema mani promuovendo un brand come il migliore in assoluto sul mercato e tra una settimana lo fanno con un altro brand e poi ancora con un altro…sinceramente perdono di credibilità. Ovvio che questo ragionamento vale per tutti i tipi di blogger o influencer, ma per quanto banale e ovvio sia credo che vada sempre ricordato dato quello che gira sui social! 😉

    Rispondi
    • 28 Novembre 2020 in 20:50
      Permalink

      Ciao Simona! No no, non sono banalità! A volte per cercare di dare enfasi alle nostre parole dimentichiamo quello che abbiamo detto per altri prodotti! Quindi si, onestà, senza voler strafare!

      Rispondi
  • 29 Novembre 2020 in 12:38
    Permalink

    Credo che un po’ tutte le nicchie stufino dopo un po’ quando i feed sono solo belle vetrine e non post davvero utili, magari con qualche curiosità o informazione personale che altrimenti non si troverebbe su internet.

    Rispondi
  • 29 Novembre 2020 in 14:26
    Permalink

    Grazie, grazie, grazie per aver scritto questo post! In effetti troppo spesso ormai si vedere pseudo beauty blogger ed instagrammer crescere come funghi nella notte. Per poi scoprire che i loro blog altro non sono che sterili schede su i vari prodotti beauty presenti sul mercato (che a volte mi vien da pensare che vado sul sito del produttore e trovo esattamente le stesse informazioni… Sfoglierò di certo le pagine social delle blogger da te consigliate: ho bisogno di tornare a credere in questa categoria!

    Rispondi
  • 29 Novembre 2020 in 16:09
    Permalink

    Mi trovi molto d’accordo, personalmente spenderei due parole anche su certi tutorial inguardabili…

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *